NINO E TADDEO UN’ESTATE IN TANDEM

NINO E TADDEO UN’ESTATE IN TANDEM

@terredimezzo pubblica il terzo capitolo delle avventure di Nino e Taddeo. La coppia di amici inseparabili, frutto della penna brillante di Herni Meunier e della mano felice di Benjamin Chaud, è qui al terzo capitolo, sullo sfondo, questa volta, dell’estate.
Una talpa ipovedente e bizzarra, Nino, e un topo timido e generoso, Taddeo, trascorrono le loro giornate sempre insieme (un po’ come l’archetipica coppia lobeliana di Rana e Rospo, altrettanto strampalata, ma certo più malinconica), presi da attività più o meno impegnative: una gita al lago, pulizie di Pasqua in agosto, studio di sentieri. In tre deliziosi capitoli, scorrevolissimi, ben scritti e ben tradotti, la fedele amicizia fra due esseri tanto diversi, eppure così simili, viene mostrata attraverso piccoli gesti d’affetto, sketch ed incidenti di percorso che hanno sempre per conclusione e scioglimento un sorriso liberatorio e leggero come dovrebbe essere il tempo d’estate.
Definibile di diritto un nuovo classico, Nino e Taddeo piacerà a tutti i piccoli che amano le storie di animali, oltre ad essere una prima lettura di alta qualità. Che dire… aspettiamo le vicende invernali!
E ora buon tempo libero e buoni libri davvero a tutte le amiche e gli amici di Ponteponente, noi andiamo in vacanza per un po’.
A presto.

(Maria) #tempolibero #tempolibro #libreriaponteponente #amicizia #benjaminchaud #ranaerosposempreinsieme #estate #estateaddosso #librerieindipendenti #childrenillustration #libridaleggere #libriperbambini

Mostra meno
MIKE

MIKE

Per la rubrica “Tempo lib(e)ro, il consiglio di lettura di questa settimana è “Mike” di Andrew Norris, nella traduzione di Sante Bandirali, uovonero. Proprio in questi giorni abbiamo assistito al doppio ritiro dalle finali di gara a squadra e individuale della campionessa ginnasta statunitense Simone Biles. Il coraggio di fermarsi, di rispettare sé stessi e la propria integrità fisica e mentale sono messaggi importantissimi, più di ogni altro successo, più della vittoria di una gara. Come per magia, ho divorato pochi giorni fa la storia di Floyd/Mike, il protagonista del romanzo edito da @@uovoneroedizioni. Floyd ha quindici anni, un talento nel tennis, un campione pronto a diventare una star, una leggenda. Ma quando si vede arrivare sul campo da gioco Mike, che nessun altro può vedere tranne Floyd, le certezze sulla carriera vacillano, le aspettative crollano e l’unica cosa da fare è ascoltare molto attentamente quello che ha da dire Mike. Un romanzo che invita i giovani lettori ad interrogarsi sulle proprie scelte, sulle strade, quelle tracciate dagli altri o quelle che sentiamo più giuste per noi. Ascoltarsi nel profondo, ascoltare quello che ha dirci Mike, maschio femmina, giovane, vecchio o animale che sia, perché così solo così scopriremo quello che il cuore desiderava fin dall’inizio.
Età di lettura : dagli 11 anni
ORSO E I SUSSURRI DEL VENTO

ORSO E I SUSSURRI DEL VENTO

L’ultimo e atteso albo di Marianne Dubuc, “Orso e i sussurri del vento” pubblicato da Orecchio Acerbo Editore @orecchioacerbo a giugno di quest’anno, è il nostro consiglio di oggi per il vostro Tempo lib(e)ro.
Il richiamo della strada. ll vento della vita che soffia e va. A volte basta una foglia che volteggia lieve nell’aria a spingerci al cambiamento, a mutare i nostri piani o semplicemente a metterci in cammino ed intraprendere nuove avventure.
E’ proprio quello che accade ad Orso. Orso è un orso contento della sua vita, dei suoi buoni amici, della sua confortevole casa e .. della sua ottima torta di fragole. Poi, una mattina, una brezza leggera scompiglia le foglie degli alberi e qualcosa gli dice che
è ora di andare. Dove? Neanche lui lo sa. Ma tra ricchi incontri e qualche momento di sconforto, alla fine troverà di nuovo un posto in cui “stare bene”.
Come già nella storia de “Il sentiero” (Orecchio acerbo, 2018) l’autrice vuole dirci che il viaggio è sempre qualcosa di potente, che ci forma, ci fa crescere e ci apre nuove prospettive.
Un albo bellissimo, delicato e profondo, che conferma Marianne Dubuc tra le illustratrici più amate a Pontepontente 🥰
LA NAVE CERVO

LA NAVE CERVO

Per la rubrica Tempo lib(e)ro, questa settimana vi consigliamo l’attesa ristampa dell’albo “La nave cervo” dalla penna di Dashka Slater con le inebrianti illustrazioni dei fratelli Eric e Terry Fan, in arte The Fan Brothers, traduzione di Masolino d’Amico, per @galluccieditore.
All’orizzonte della Terra delle volpi sbucò un giorno tra le nebbie una nave con le corna. All’equipaggio bislacco formato da tre cervi e qualche piccione in cerca di avventure, si unisce Marcus, una volpe molto curiosa. Direzione: L’Isola degli alberi succulenti. Perché certe canzoni ti fanno felice a altre mettono tristezza? Alle isole piace essere sole? Superando limiti, tempeste, scogli aguzzi e persino una nave di sette minacciosi pirati, la volpe Marcus acquisirà la certezza che gli amici “te li fai quando gli fai delle domande”. Nel viaggio ignoto della vita scopriremo allora che la vera bellezza sta nel porsi le domande, non nel risolverle, tanto meglio se in buona compagnia! (Mariella)
33 PIRATI

33 PIRATI

Una bella novità di poesia si affaccia fra gli scaffalli. Si tratta di “33 PIRATI” di Guido Quarzo, illustrata da Maddalena Pavanello e pubblicata da Coccole books.
“C’era un pirata in una foresta
volato laggiù per una tempesta
guardava stupito gli alberi strani
che non reggevano vele e pennoni
quando le foglie cantavano al vento
pensava al mare ed era contento.”
Trentatré sestine a rime baciate, che sono altrettanti ritratti di pirati e piratesse, cui si aggiungono tre corsari in apertura, al centro e a conclusione della raccolta. Con immagini a tratti delicate, a tratti esilaranti, l’abile scrittore torinese ci consegna dei bozzetti di fantasia che ci fanno viaggiare con la mente per vaste distese d’acqua, a bordo di imponenti velieri o fra le mille sfumature della natura umana. Componimenti semplici ed orecchiabili, che chiedono d’esser detti a voce viva, a tratti piena a tratti lieve, e che, certamente, entusiasmeranno piccoli curiosi (dai 4 anni in su) e muoveranno lettori adulti. Ogni componimento si posa su una pagina mirabilmente illustrata dalla giovane Pavanello (Premio Ronzinante 2020), dove l’estro del segno libero viene disciplinato dall’equilibrio e dalla nettezza del digitale.
Un libro felice da tenere nel cassetto della casa delle vacanze, da tirar fuori quando, all’occasione, si voglia giocare ai terribili pirati dei sette mari.
(Maria)
Un pinguino a Trieste

Un pinguino a Trieste

Due fatti di cronaca realmente accaduti, il tragico siluramento del piroscafo Nova Scotia, affondato da fuoco amico nel novembre 1942 e la presenza (reale) del piccolo pinguino Marco presso l’Acquario di Trieste dal 1953 al 1985, fanno da sfondo a questa bella storia di crescita, coraggio e scoperta del mondo, scritta dall’infaticabile Chiara Carminati e pubblicata da Bompiani ad aprile di quest’anno.
Nicolò è un quindicenne triestino, segnato dalla perdita della mamma in tenera età e dalla scomparsa del padre, imbarcato sul Nova Scotia e mai più tornato, non ufficialmente morto ma del quale non si hanno notizie da anni. Proprio la volontà di trovarlo a tutti i costi lo porterà ad imbarcarsi come “piccolo di camera” sulla motonave Europa, destinazione Sud Africa. E tra un mal di mare e l’altro … farà molti incontri (uno in particolare con la bella Susanna “dai capelli color cannella”) che cambieranno la sua vita.
Un romanzo fresco e dallo stile limpido, con una perfetta tessitura di storia, cronaca ed immaginazione, godibilissimo dagli 11-12 anni in su ma adatto anche agli adulti.
(Francesca)